AMBIENTE: UNA CARETTA CARETTA AD ACQUA DEI CORSARI

Una tartaruga Caretta caretta domenica scorsa, intorno alle ore 22, ha scelto la costa tirrenica ad e di Palermo per depositare le sue uova.

Si è fermata ad Acqua dei Corsari in un tratto di spiaggia accessibile dalla SS113 attraverso il “Lido Italia”. A quell’ora di domenica c’era ancora tanta gente che sostava nel lido compresi tanti bambini e ragazzi, che sono rimasti sorpresi nel vedere improvvisamente il grosso animale marino uscire dall’acqua e procedere verso l’interno per diverse decine di metri, fino al punto che ha ritenuto migliore (!) per la deposizione delle sue uova. Strano che abbia scelto una spiaggia rumorosa e poco pulita. Alcuni hanno fotografato (col telefonino).

Poi la Tartaruga se ne è andata lasciando i presenti un po’ stupiti.

Dovrà trascorrere un periodo di oltre un mese prima che le uova si possano schiudere e che le tartarughine appena nate possano spostare la sabbia sopra di sé e iniziare la loro istintiva e rapida corsa verso il mare, dove le più fortunate potranno vivere a lungo nel loro elemento vitale.

La Polizia, contattata dai gestori del lido, ha provveduto a chiamare
il WWF e il prof. Mario Lo Valvo, zoologo esperto di biologia marina, che sono subito intervenuti. Il prof ha dato le indicazioni necessarie per assicurare la protezione delle uova, facendo collocare una precaria recinzione intorno ai due punti in cui la tartaruga ha fatto la deposizione. Naturalmente è stata contattata anche la Capitaneria di Porto che farà una sorveglianza periodica.

I nostri volontari sono poi intervenuti fin dalle prime ore del mattino e hanno sistemato una più idonea recinzione metallica per proteggere i due nidi e iniziata la sorveglianza dei due nidi.
Abbiamo constatato una generosa disponibilità da parte dei gestori del lido e di numerosi suoi frequentatori, in specie bambini, a sorvegliare durante il giorno i due nidi e per questo rivolgiamo loro un caloroso ringraziamento.

Ora è necessaria una continua sorveglianza del sito, per evitare che persone o animali possano intervenire in danno delle preziose uova che potranno perpetuare la vita di questo imponente rettile.

Cerchiamo pertanto volontari che possano darci un aiuto nella sorveglianza, soprattutto serale e notturna fino alla schiusa delle uova: contattateci all’indirizzo giovanna.messina22@alice.it e vi risponderemo al più presto.

Rispondi