Escursione a Monte Cucullo: la porta est delle Madonie

Escursione di: Domenica 1 Dicembre 2019
Monte Cucullo (1416 slm): la porta est delle Madonie – Comune di Collesano

Referente escursione: Agostino Schiavo detto Lillo (328 824 2839)
Referente per gli appuntamenti: Pietro Ciulla (338 186 4718)
Difficoltà: medio (EE) ESCURSIONISTI ESPERTI E ALLENATI
Lunghezza del percorso: 12 Km circa
Tempo di percorrenza: 4/5 ore circa al netto della sosta colazione, rientro previsto a Palermo per le 18.30.
Tipo di suolo: stradella, sentiero e terreno naturale roccioso
Dislivello totale accumulato: 800 mt circa da 650 ca a 1416 – diversi saliscendi
Appuntamento: Appuntamento alle ore 08.15 all’inizio di via Ernesto Basile davanti l’ingresso dell’Università (e la stazione metro Orleans). Partenza 8:30. NON NECESSITA PRENOTAZIONE.PARTECIPA CHI SI PRESENTA ALL’APPUNTAMENTO.
Mezzi: Per il raggiungimento del punto d’inizio dell’escursione si utilizzeranno le auto.
Spese di viaggio: si dividono equamente tra i passeggeri di ogni vettura.
Colazione: Al sacco, a carico di ogni partecipante (non dimenticare la provvista d’acqua)
Attrezzatura e Abbigliamento: CONSIGLIATI BASTONCINI DA TREKKING E BINOCOLO. Abbigliamento adatto alla stagione (K-Way-Pile-Cappuccio), in particolare sono necessari scarponcini da escursionismo senza i quali non si potrà partecipare all’escursione. Dato che è previsto un notevole calo di temperatura si raccomanda un abbigliamento pesante
Contributo: Non Soci 5 Euro – Soci 3 Euro (comprende assicurazione RC) – Non occorre prenotazione. Partecipa chi si presenta all’appuntamento prefissato.



Meteo Collesano


Programma e descrizione:
Partenza da Palermo verso Collesano fino a contrada Volpignano .
La zona è ricca di pascoli, piste elettive della transumanza e in comunica-zione con piano Zucchi, piano Battaglia e le Petralie.
Il sentiero offre bellissimi scorci e ci porterà verso la nostra destinazione che è monte Cucullo. Tale monte costituisce la simbolica porta ad est delle Madonie dove potremo ammirare (tempo permettendo) un sublime panorama.
La discesa inizia tra la selletta formata dal monte Carca e il monte Cucullo. Si presenta, seppure breve, come la parte più difficile e interessante del percorso perché non esiste sentiero e sopperiremo questo con la tecnica individuale.
Nel solco di un canalone cammineremo fuori sentiero in una parte integra del territorio madonita attraverso una querceta.
La discesa è impegnativa e prevede un uso consapevole dei bastoni da trekking che si rendono perciò consigliatissimi per questa escursione.
L’escursione necessita di un minimo di allenamento per affrontare il tratto di salita che porta a monte Cucullo e nel complesso si tratta di un itinerario medio ma con qualche difficoltà in più.
Dato che nei giorni immediatamente precedenti la domenica 1 dicembre sono previste condizioni meteorologiche avverse compresa forse la caduta di neve, vi terremo costantemente aggiornati sugli sviluppi della situazione attraverso i canali di Facebook e WhatsApp, nonché con l’aggiornamento delle notizie sul nostro sito.
Con condizioni particolarmente negative potremmo decidere di annullare l’escursione o proporre una alternativa.


Modalità di gestione delle escursioni: clicca qui
Per ogni escursione si chiederà a tutti i partecipanti un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa. In pratica si chiederà ai soci un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 1 €, pertanto l’importo complessivo per i soci sarà pari a 3 Euro (2 € per l’assicurazione, 1 € per il contributo aggiuntivo). Ai non soci si chiederà un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 3 €, pertanto l’importo complessivo per non i soci sarà pari a 5 Euro (2 € per l’assicurazione, 3 € per il contributo aggiuntivo). Per i partecipanti età fino a 12 anni non è richiesto alcun contributo al WWF ma solamente la quota assicurativa di 2 €.
Occorrerà che i partecipanti diano i loro dati anagrafici se non già in possesso del WWF, questi serviranno per formalizzazione della copertura assicurativa.
Gli spostamenti verso il luogo d’inizio delle escursioni avverranno con le auto dei partecipanti che vorranno metterle a disposizione. Il WWF Sicilia Nord Occidentale non garantisce pertanto il trasferimento verso il luogo d’inizio dell’escursione ai partecipanti che non saranno riusciti a trovare un posto nelle auto disponibili.
Si cercherà di viaggiare a pieno carico di passeggeri per evitare inutili sprechi di carburante.
Il proprietario di ogni singola auto concorderà con i passeggeri ospitati l’entità del rimborso carburante dovutogli, quindi ogni partecipante avrà l’onere di un’ulteriore quota aggiuntiva “carburante” oltre il contributo al WWF e la quota assicurativa, da evolvere direttamente all’autista dell’auto in cui è ospitato.

Trekking sul Parco delle Madonie: gli Abies Nebrodendis

Escursione Domenica 29 settembre 2019, Vallone Madonna degli Angeli, Polizzi Generosa

Referente escursione: Salvatore Incrapera  339 795 4378

Riferimento per gli appuntamenti: Pietro Ciulla 338 186 4718

Difficoltà: Media

Lunghezza del percorso: 10 Km circa

Tipo di suolo: stradella, sentiero più o meno agevole, brevi tratti in discesa a pietraia.

Tempo di percorrenza: 6 ore circa compreso le soste

Dislivello: 500 mt circa totale salita

Appuntamento: Via E. Basile, piazzola adiacente ingresso Università e fermata metro Orleans, ore 8:15 partenza ore 8.30. NON NECESSITA PRENOTAZIONE. PARTECIPA CHI SI PRESENTA ALL’APPUNTAMENTO.

Mezzi: per il raggiungimento del punto d’inizio dell’escursione useremo le auto private, le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto (percorso auto a/r circa  220 km circa)

Spese di viaggio: Le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto (6 euro circa a persona) 

Colazione: Al sacco, a carico di ogni partecipante (non dimenticare la provvista d’acqua).

Attrezzatura e Abbigliamento: Abbigliamento adatto alla stagione. Sono necessari scarponi da escursionismo senza i quali non si potrà partecipare all’escursione. Portare anche scarpe di ricambio per poterle indossare a fine escursione ed evitare così di sporcare l’auto nella quale si è ospiti. Consigliati bastoncini da trekking, binocolo.

NON E’ POSSIBILE PORTARE ANIMALI AL SEGUITO
 

Contributo: Non Soci 5 Euro – Soci 3 Euro. Il contributo comprende l’assicurazione contro infortuni.

CHI SI ISCRIVE AL WWF O RINNOVA LA TESSERA IN OCCASIONE DI QUESTA ESCURSIONE NON PAGA IL SUDDETTO CONTRIBUTO E AVRA’ UN’ALTRA ESCURSIONE A CREDITO.


Meteo Polizzi generosa

Descrizione e Programma:

Si arriva a Polizzi Generosa dalla SS 643 uscendo dallo svincolo autostradale di Scillato. 

Quindi SP 119 fino a ingresso sentiero forestale a quota 1260 slm. Lasciate le auto ci si inerpica per circa 1,8 km salendo di livello fino a 1420 slm. A metà percorso ci si ferma ad osservare lo stupendo panorama dell’anfiteatro della Quacella dove se fortunati possiamo osservare daini in libertà. Questa prima tratta è una carrareccia forestale di facile percorrenza.

Quindi si scende di livello imboccando il Sentiero degli Abies e si arriva sul letto asciutto del torrente che capta le acque pluviali dei versanti della Quacella e del Monte Scalone per portarle a valle verso l’Imera settentrionale.

Attraversato il ponticello in legno si può subito visitare un primo alberello di Abies nebrodensis censito come nr. 30, quindi l’ultimo della serie.  Si percorre interamente questo sentiero per circa 2,4 km fino ad intercettare il sentiero Piano Iola e Piano Grande. Nel percorso, in piena boscaglia formata da Lecci, Roverelle, Abeti, Cedri, Faggi, Aceri… vedremo gran parte degli Abies presenti. 

Arrivati alla fine del sentiero imbocchiamo il Sentiero Italia quindi vedremo altri Abies e dopo 1 km arriveremo ad un punto panoramico a quota 1640.  Si può osservare da questa posizione la Quacella, Monte S.Salvatore e Monte Cervi oltre allo stupendo panorama del Vallone Madonna degli Angeli. Ci fermeremo qualche minuto per onorare la bellezza dei luoghi.

Durante il percorso potremo osservare daini, poiane, aquile, gheppi, corvi e tantissime specie di farfalle.

Riprendendo il facile sentiero manterremo lo stesso livello per 1 km circa raggiungeremo l’abbeveratoio dove consumeremo la colazione al sacco. Quindi dopo il meritato relax riprenderemo la via del ritorno, tutta in discesa, su carrareccia forestale per circa 3 km fino alle auto. 

Si rientra a Palermo intorno le ore 17.30

Organizzato da: WWF Sicilia Nord Occidentale 

Modalità di gestione delle escursioni: clicca qui

1) Per ogni escursione si chiederà a tutti i partecipanti un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa. In pratica si chiederà ai soci un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 1 €, pertanto l’importo complessivo per i soci sarà pari a 3 Euro (2 € per l’assicurazione, 1 € per il contributo aggiuntivo). Ai non soci si chiederà un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 3 €, pertanto l’importo complessivo per non i soci sarà pari a 5 Euro (2 € per l’assicurazione, 3 € per il contributo aggiuntivo). Per i partecipanti età fino a 12 anni non è richiesto alcun contributo al WWF ma solamente la quota assicurativa di 2 €.
Occorrerà che i partecipanti diano i loro dati anagrafici se non già in possesso del WWF, questi serviranno per formalizzazione della copertura assicurativa.

Gli spostamenti verso il luogo d’inizio delle escursioni avverranno con le auto dei partecipanti che vorranno metterle a disposizione. Il WWF Sicilia Nord Occidentale non garantisce pertanto il trasferimento verso il luogo d’inizio dell’escursione ai partecipanti che non saranno riusciti a trovare un posto nelle auto disponibili.

Si cercherà di viaggiare a pieno carico di passeggeri per evitare inutili sprechi di carburante.

Il proprietario di ogni singola auto concorderà con i passeggeri ospitati l’entità del rimborso carburante dovutogli, quindi ogni partecipante avrà l’onere di un’ulteriore quota aggiuntiva “carburante” oltre il contributo al WWF e la quota assicurativa, da devolvere direttamente all’autista dell’auto in cui è ospitato. 

Trekking sul Parco delle Madonie: alla scoperta di Piano Cervi

Escursione Domenica 2 giugno 2019, Piano Cervi, Isnello

Referente escursione: Salvatore Incrapera  339 795 4378

Riferimento per gli appuntamenti: Pietro Ciulla 338 186 4718

Difficoltà: Media

Lunghezza del percorso: 12 Km circa

Tipo di suolo: stradella, sentiero più o meno agevole.

Tempo di percorrenza: 6 ore circa compreso le soste

Dislivello: 500 mt circa totale salita

Appuntamento: Via E. Basile, piazzola adiacente ingresso Università e fermata metro Orleans, ore 8:15 partenza ore 8.30. NON NECESSITA PRENOTAZIONE. PARTECIPA CHI SI PRESENTA ALL’APPUNTAMENTO.

Mezzi: per il raggiungimento del punto d’inizio dell’escursione useremo le auto private, le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto (percorso auto a/r circa  220 km circa)

Spese di viaggio: Le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto (6 euro circa a persona) 

Colazione: Al sacco, a carico di ogni partecipante (non dimenticare la provvista d’acqua).

Attrezzatura e Abbigliamento: Abbigliamento adatto alla stagione. Sono necessari scarponi da escursionismo senza i quali non si potrà partecipare all’escursione. Portare anche scarpe di ricambio E CALZETTONI DI RICAMBIO per poterle indossare a fine escursione ed evitare così di sporcare l’auto nella quale si è ospiti. Consigliati bastoncini da trekking.  

Contributo: Non Soci 5 Euro – Soci 3 Euro. Il contributo comprende l’assicurazione contro infortuni.


Meteo Isnello

Descrizione e Programma:

Usciti a Buonfornello via Campofelice di Roccella si raggiunge Collesano quindi verso Piano Battaglia si arriva a Portella Colla a m. 1421 slm (bivio per Polizzi) dove si posteggiano le auto.

Il trekking prevede un primo tratto in leggera discesa su strada sterrata di circa 500 metri fino a giungere al cancello della forestale.

Superato il cancello la strada prosegue in leggera salita tra boschi di faggi , abeti cedri e agrifogli. Si giunge quindi allo spettacolare pianoro erboso di Piano Cervi ove un tempo era presente un laghetto stagionale.

Superato il pianoro di origine carsica si inizia un percorso ad anello entrando in un fitto bosco di faggi fino a giungere, percorrendo una leggera salita, ad un caratteristico “pagghiaru”.

Poco avanti si giunge ad uno splendido prato e, dopo un breve tratto in salita, alle pendici di Cozzo Morto che rappresenta il punto più alto a circa 1575 metri è possibile vedere uno scorcio panoramico fino al mare.

Dopo aver effettuato una deviazione fino ad un secondo splendido punto panoramico che si affaccia sulle cime circostanti e fino al paese di Isnello e più in là fino al Mar Tirreno, si affronta il ritorno verso Piano Cervi attraversando fitti boschi di faggi inframmezzati da ampi prati erbosi sui quali è possibile a volte intravedere al pascolo timorosi daini.

Dal piano Cervi si intraprende la via del ritorno passando sotto il Cozzo Piombino con le sue caratteristiche stratificazioni.

Si rientra a Palermo intorno le ore 17.30

Organizzato da: WWF Sicilia Nord Occidentale 

Modalità di gestione delle escursioni: clicca qui

1) Per ogni escursione si chiederà a tutti i partecipanti un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa. In pratica si chiederà ai soci un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 1 €, pertanto l’importo complessivo per i soci sarà pari a 3 Euro (2 € per l’assicurazione, 1 € per il contributo aggiuntivo). Ai non soci si chiederà un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 3 €, pertanto l’importo complessivo per non i soci sarà pari a 5 Euro (2 € per l’assicurazione, 3 € per il contributo aggiuntivo). Per i partecipanti età fino a 12 anni non è richiesto alcun contributo al WWF ma solamente la quota assicurativa di 2 €.
Occorrerà che i partecipanti diano i loro dati anagrafici se non già in possesso del WWF, questi serviranno per formalizzazione della copertura assicurativa.

Gli spostamenti verso il luogo d’inizio delle escursioni avverranno con le auto dei partecipanti che vorranno metterle a disposizione. Il WWF Sicilia Nord Occidentale non garantisce pertanto il trasferimento verso il luogo d’inizio dell’escursione ai partecipanti che non saranno riusciti a trovare un posto nelle auto disponibili.

Si cercherà di viaggiare a pieno carico di passeggeri per evitare inutili sprechi di carburante.

Il proprietario di ogni singola auto concorderà con i passeggeri ospitati l’entità del rimborso carburante dovutogli, quindi ogni partecipante avrà l’onere di un’ulteriore quota aggiuntiva “carburante” oltre il contributo al WWF e la quota assicurativa, da devolvere direttamente all’autista dell’auto in cui è ospitato.