Trekking e Grigliata a Monte Càrcaci, Parco dei Monti Sicani

Escursione Domenica 28 aprile 2019

Riserva Naturale Orientata di Monte Càrcaci: trekking in vetta e grigliata finale

Referente escursione: Vittorio Cangelosi 329 629 2669
Riferimento per gli appuntamenti: Pietro Ciulla 338 186 4718

Difficoltà: Media, leggera faticosità in salita

Lunghezza del percorso: 6 Km circa
Tipo di suolo: stradella, sentiero, terreno naturale
Tempo di percorrenza: 7 ore circa compresa grigliata
Dislivello: 300 m. circa totale salita

Appuntamento: Via E. Basile, piazzola adiacente ingresso Università e fermata metro Orleans, ore 8:00 partenza ore 8.15

NON NECESSITA PRENOTAZIONE. PARTECIPA CHI SI PRESENTA ALL’APPUNTAMENTO.

Mezzi: per il raggiungimento del punto d’inizio dell’escursione useremo le auto private, le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto (percorso auto 200 km a/r circa). Consigli tecnici: macchine troppo basse non devono essere sovraccaricate, meglio su tutte le macchine 3 persone al massimo 4.

Spese di viaggio: Le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto (5 euro circa a persona)

INFO GRIGLIATA:
La grigliata sarà effettuata sul posto in apposita area attrezzata messa a disposizione dall’Azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana.
La grigliata sarà così organizzata: il partecipante dovrà portare con se gli alimenti (carni e/o verdure) da grigliare, l’acqua e la frutta, mentre il gruppo escursioni WWF metterà a disposizione la legna/carbone da ardere e gli attrezzi.
Inoltre dopo l’escursione, mentre la griglia sarà preparata, sarà offerto, sempre dal WWF, Pane, olive, formaggio tipico locale.

Infine per chi vuole può prenotare la tipica Genovese di Ficuzza (crema, ricotta) chiamando Vittorio Cangelosi 329 629 2669 che poi le preleverà fresche al passaggio: Costo 1,5 euro/cad da pagare in loco.

VIETATO USARE PLASTICA MONOUSO

Attrezzatura e Abbigliamento: Abbigliamento adatto alla stagione. Sono necessari scarponi da escursionismo senza i quali non si potrà partecipare all’escursione. Portare anche scarpe di ricambio per poterle indossare a fine escursione ed evitare così di sporcare l’auto nella quale si è ospiti. Consigliati bastoncini da trekking.

Contributo: Non Soci 5 Euro – Soci 3 Euro. Il contributo comprende l’assicurazione contro infortuni.

[trebi-a3 loc=”5578″ c1=”ffffff” c2=”ffffff” c3=”cccccc” b1=”3b3b3b” b2=”000000″ b3=”000000″]

Descrizione e Programma:

Partenza da Palermo, quindi via SS per Agrigento si esce a Bolognetta, quindi Marineo, Corleone e Bivio Filaga, proseguimento verso Lercara Friddi e dopo circa 5 km si prende il bivio per Riena.

Da qui strada mista asfaltata sterrata con buche per circa 9 km. Durante questo tragitto misto sterrato sosta per qualche minuto presso il Borgo Fantasma di Riena. 

All’arrivo presso la casermetta della Forestale, dove lasceremo le auto, faremo una passeggiata dentro il bosco salendo fino alla torretta antincendio posta quasi in cima a Monte Carcaci attraversando dei vecchi marcati dove veniva riunite le greggi per la lavorazione dei formaggi, osserveremo diversi pagliai, postazioni dove si faceva la ricotta. Il percorso, ad anello, di circa 5,5 km inizialmente presenta forti pendenze (assolutamente vietate le scarpe da tennis), molto utili i bastoncini da trekking.
Attraverseremo delle porzioni di bosco ricche di acqua (meteo giorni precedenti permettendo)
Uscendo dal bosco dopo circa 2 km proseguiremo su sterrato fino alla torretta antincendio.

Durante il ritorno tutto su sterrato osserveremo un sito archeologico, alcune carbonaie, un altro pagliaio abitabile. All’arrivo alla casermetta saremo circondati dal gracidare di centinaia di rane e rospi presenti nel gorgo antistante la caserma.
Li ci organizzeremo per arrostire e mangiare sotto una bellissima tettoia.

Si rientra a Palermo intorno le ore 18.00

Altre info su: http://www.parcodeimontisicani.it

Modalità di gestione delle escursioni: clicca qui

1) Per ogni escursione si chiederà a tutti i partecipanti un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa. In pratica si chiederà ai soci un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 1 €, pertanto l’importo complessivo per i soci sarà pari a 3 Euro (2 € per l’assicurazione, 1 € per il contributo aggiuntivo). Ai non soci si chiederà un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 3 €, pertanto l’importo complessivo per non i soci sarà pari a 5 Euro (2 € per l’assicurazione, 3 € per il contributo aggiuntivo). Per i partecipanti età fino a 12 anni non è richiesto alcun contributo al WWF ma solamente la quota assicurativa di 2 €.
Occorrerà che i partecipanti diano i loro dati anagrafici se non già in possesso del WWF, questi serviranno per formalizzazione della copertura assicurativa.

Gli spostamenti verso il luogo d’inizio delle escursioni avverranno con le auto dei partecipanti che vorranno metterle a disposizione. Il WWF Sicilia Nord Occidentale non garantisce pertanto il trasferimento verso il luogo d’inizio dell’escursione ai partecipanti che non saranno riusciti a trovare un posto nelle auto disponibili.

Si cercherà di viaggiare a pieno carico di passeggeri per evitare inutili sprechi di carburante.

Il proprietario di ogni singola auto concorderà con i passeggeri ospitati l’entità del rimborso carburante dovutogli, quindi ogni partecipante avrà l’onere di un’ulteriore quota aggiuntiva “carburante” oltre il contributo al WWF e la quota assicurativa, da devolvere direttamente all’autista dell’auto in cui è ospitato. 

Escursione e Birdwatching alla Riserva Naturale Orientata “Saline di Trapani e Paceco”

ESCURSIONE DI DOMENICA 24 MARZO 2018

Riserva Naturale Orientata “Saline di Trapani e Paceco” OASI DEL WWF. Comuni di Trapani e Paceco

Referente: Nicola Napolitano (349 833 3414)

Riferimento per gli appuntamenti: Pietro Ciulla (338 186 4718)

Località di inizio dell’escursione: Saline di Trapani, centro visite Mulino Maria Stella, Strada Provinciale 21 Trapani

Difficoltà: facile (adatto anche ai bambini – no animali)

Lunghezza del percorso: 4 Km circa

Durata: 5 ore circa dalle ore 10.00 alle ore 15.00

Tipo di percorso: terreno pianeggiante

Dislivello: nullo

Appuntamento: ore 08.15, partenza 8:30 da piazzale parcheggio Giotto, lato via Giotto con le proprie autovetture per Trapani

Mezzi: Auto private.

Spese di viaggio: le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto. (6 euro – 220 km, a/r, 1h 20’ da Palermo, via Autostrada Palermo-Mazara con uscita a Trapani)

Colazione: al sacco, a carico di ogni partecipante (non dimenticare la provvista d’acqua)

Attrezzatura e Abbigliamento: abbigliamento adatto alla stagione e alle condizioni metereologiche della giornata (sono comunque essenziali zainetto e scarponcini o quantomeno comode scarpe da passeggio).

Contributo: non Soci 5 Euro – Soci 3 Euro. Il contributo comprende l’assicurazione contro infortuni.

[trebi-a3 loc=”4885″ c1=”ffffff” c2=”ffffff” c3=”cccccc” b1=”3b3b3b” b2=”000000″ b3=”000000″]

DESCRIZIONE DELLA RISERVA

La R.N.O. Saline di Trapani e Paceco è stata istituita nel 1995 con D.A. n. 257/44 del 11 maggio ed affidata in gestione al WWF Italia.

L’area protetta ricadente nei comuni di Trapani e Paceco con un’estensione complessiva di circa 1000 ettari, è divisa in 2 zone, di cui 700 ha di zona A, coincidente con le vasche di salina, e circa 300 ha di zona B.

Le saline sono un importantissimo luogo di sosta per migliaia di uccelli durante le migrazioni, pertanto la zona risulta essere di particolare interesse ornitologico; infatti sono 208 le specie finora censite, molte svernanti (fenicotteri, spatole, aironi bianchi maggiori, garzette, falchi di palude, limicoli e più di 5.000 anatidi) e altre nidificanti (avocette, cavalieri d’Italia, fraticelli, fratini, calandrella). Tra le specie censite nella Riserva, il tarabuso, la garzetta, l’airone bianco maggiore, la spatola, il fenicottero, il cavaliere d’Italia, l’avocetta (presa a simbolo della Riserva), il gabbiano roseo, il fraticello, il martin pescatore.

Tra i pesci è presente Aphanius fasciatus, incluso nell’allegato II della Direttiva Comuntaria “Habitats”. L’entomofauna annovera numerose specie di insetti endemici e/o rari quali Cephalota circumdata imperialis, Cephalota litorea goudoti, Pterolepis elymica, Teia dubia arcerii. Infine, il piccolo crostaceo Artemia salina è stato ed è tuttora oggetto di grande interesse, sia in termini sistematici e di ricerca pura che di ricerca applicata.

Tra gli habitat di rilievo presenti:

– Lagune costiere: i bacini utilizzati per l’estrazione del sale, date le tecniche utilizzate (che sono quelle tradizionali in uso da secoli) e la particolare geomorfologia della costa (che vedeva la presenza di lagune e pantani costieri), costituiscono un ambiente che seppure in gran parte artificiale, ospita una grande diversità biologica, dal livello microscopico dei batteri a quello macroscopico degli uccelli. Si tratta di organismi estremamente specializzati per questo ambiente, e per i vari gradi di salinità presenti nelle differenti vasche, oppure (come nel caso degli uccelli) che trovano in questo ambiente sosta e cibo durante le migrazioni.

– Steppe salate mediterranee: associazioni vegetali ricche in specie di Limonium (di cui numerose endemiche) con presenza di Lygeum spartum, su suoli temporaneamente o periodicamente permeati da acqua salmastra e soggetti ad estrema aridità estiva.

– Vegetazione annua delle linee di deposito marine

– Fruticeti alofili mediterranei e termo-atlantici (Sarcocornetea fruticosi)

Per questo elevato valore ambientale, le saline sono sottoposte a diversi vincoli di tutela: nel 2011, il Ministero dell’ambiente ha dichiarato la zona umida della riserva delle Saline di Trapani e Paceco sito “di importanza internazionale” ai sensi della “Convenzione di Ramsar”. Esse rientrano anche, secondo la Direttiva Habitat, tra i Siti di Interesse Comunitario, nonché tra le Zone Protezione Speciale previste dalla Direttiva Uccelli.

L’escursione avverrà lungo tre percorsi e si baserà principalmente sull’osservazione dell’avifauna.

Da parte nostra porteremo un cannocchiale e qualche binocolo, ma è consigliabile, per chi ne è in possesso, attrezzarsi con propri strumenti di osservazione per godere maggiormente le osservazioni.

Durante la giornata faremo una pausa colazione in salina stessa.

Modalità di gestione delle escursioni: clicca qui

1) Per ogni escursione si chiederà a tutti i partecipanti un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa. In pratica si chiederà ai soci un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 1 €, pertanto l’importo complessivo per i soci sarà pari a 3 Euro (2 € per l’assicurazione, 1 € per il contributo aggiuntivo). Ai non soci si chiederà un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 3 €, pertanto l’importo complessivo per non i soci sarà pari a 5 Euro (2 € per l’assicurazione, 3 € per il contributo aggiuntivo). Per i partecipanti età fino a 12 anni non è richiesto alcun contributo al WWF ma solamente la quota assicurativa di 2 €.
Occorrerà che i partecipanti diano i loro dati anagrafici se non già in possesso del WWF, questi serviranno per formalizzazione della copertura assicurativa.

Gli spostamenti verso il luogo d’inizio delle escursioni avverranno con le auto dei partecipanti che vorranno metterle a disposizione. Il WWF Sicilia Nord Occidentale non garantisce pertanto il trasferimento verso il luogo d’inizio dell’escursione ai partecipanti che non saranno riusciti a trovare un posto nelle auto disponibili.

Si cercherà di viaggiare a pieno carico di passeggeri per evitare inutili sprechi di carburante.

Il proprietario di ogni singola auto concorderà con i passeggeri ospitati l’entità del rimborso carburante dovutogli, quindi ogni partecipante avrà l’onere di un’ulteriore quota aggiuntiva “carburante” oltre il contributo al WWF e la quota assicurativa, da devolvere direttamente all’autista dell’auto in cui è ospitato.

WWF a Favignana: 17 marzo Trekking, Natura #PlasticFree e visita al Centro Tartarughe

Domenica 17 marzo 2019 evento a Favignana, escursione sul Monte Santa Caterina, visita al Centro Tartarughe e evento WWF Natura #PlasticFree !

Partner dell’evento:

Isole Egadi – Comune di Favignana
Area Marina Protetta Isole Egadi
Centro di Primo Soccorso per tartarughe marine AMP Isole Egadi
WWF SUB (Save UnderWater Biodiversity) https://sub.wwf.it

Referente escursione: Giorgio De Simone  331 603 1490 

Referente evento #PlasticFree: Lino Campanella 324 834 3170

Riferimento per gli appuntamenti: Pietro Ciulla 338 186 4718

Difficoltà: facile, Leggera faticosità all’andata, per percorso costantemente in salita.

Lunghezza del percorso: 6 Km circa

Tipo di suolo: stradella, sentiero più o meno agevole

Tempo di percorrenza: 7 ore compreso le soste

Dislivello: 300 mt circa

Appuntamento: Parcheggio Giotto, lato via Giotto, Palermo ore 7.00 partenza ore 7.15. NON NECESSITA PRENOTAZIONE. PARTECIPA CHI SI PRESENTA ALL’APPUNTAMENTO.

Mezzi: per il raggiungimento del punto d’inizio dell’escursione useremo le auto private fino al porto di Trapani quindi la nave Siremar per Favignana. Al ritorno Aliscafo Liberty Lines.

L’ESCURSIONE SI EFFETTUA SOLO SE VERRANNO GARANTITE LE CORSE DI RITORNO

Spese di viaggio: Le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto (Palermo-Trapani porto 6 euro circa a persona, 220 km a/r) 

Colazione: Al sacco, a carico di ogni partecipante (non dimenticare la provvista d’acqua) oppure possibilità di consumare pasto in loco dopo l’escursione.

Attrezzatura e Abbigliamento: Abbigliamento adatto alla stagione. Sono necessari scarponi da escursionismo senza i quali non si potrà partecipare all’escursione. Portare anche scarpe di ricambio per poterle indossare a fine escursione ed evitare così di sporcare l’auto nella quale si è ospiti. Consigliati bastoncini da trekking. Non è un percorso adatto ai cani.

Contributo: Non Soci 5 Euro – Soci 3 Euro. Il contributo comprende l’assicurazione contro infortuni.

[trebi-a3 loc=”2727″ c1=”ffffff” c2=”ffffff” c3=”cccccc” b1=”3b3b3b” b2=”000000″ b3=”000000″]

Descrizione, Programma e Costi:

Si parte dal parcheggio Giotto di Palermo puntualmente alle ore 7:15 per arrivare a Trapani Porto alle ore 8:30 circa, parcheggiate le auto (parcheggio gratuito la domenica) ci uniremo ad eventuali escursionisti arrivati da altre zone, quindi ci si imbarca nella nave SIREMAR per Favignana che parte alle ore 9:00 (costo andata € 10,72) .  Chi non arriva a prendere la nave può optare per il primo aliscafo disponibile (ore 9:40). Per il ritorno si utilizzerà il primo aliscafo disponibile (orari: 17:20/18/18:35 o 20:30, costo 10 euro circa).
RIEPILOGO COSTI: Oltre ai costi per il trasporto ricordiamo il contributo di 5 euro non soci o 3 euro soci assicurazione compresa. Chi fruisce del passaggio auto prevedere 6 euro per l’autista. Se non si porta la colazione al sacco prevedere i costi del pranzo. 

Arrivati al porto di Favignana partiremo per l’escursione al Monte Santa Caterina, la montagna più alta dell’Isola e raggiungeremo quota 314 mt salendo fino al Forte di Santa Caterina.

Questo edificio sovrasta l’Isola di Favignana ed è ben visibile già da Trapani e anche da Erice. In quasi tutte le foto panoramiche scattate a Favignana lui c’è, il Forte di Santa Caterina per alcuni impropriamente chiamato Castello. L’antico maniero, costruito sulla cima del Monte Santa Caterina, 310 mt di altezza, da cui prende il nome, ha una storia articolata come tutte le storie di Siciliana memoria. Conoscerne la storia però non è sufficiente, occorre visitarlo per comprenderla a fondo.  Nel IX secolo i Saraceni costruirono una torre di avvistamento, ma come al solito i Normanni una volta conquistato lo trasformarono in fortino, poi ampliato dall’allora Signore di Favignana Andrea Riccio nel XV secolo nella forma e dimensioni che vediamo ancora oggi. In epoca borbonica vi rinchiudevano i ribelli e successivamente fu utilizzato come presidio militare quindi successivamente abbandonato fino ad oggi.  

Visiteremo il forte dall’esterno (interno non praticabile, vietato accesso per problemi di sicurezza), quindi rientreremo al punto di partenza tramite un antichissimo sentiero forestale che parte dalla cima e prosegue verso Punta Campana poi scende per un vallone ricco di vegetazione a macchia mediterranea. Incontreremo resti di vecchie edificazioni, ormai ruderi e da questo punto osserveremo, se la giornata è tersa, uno spettacolare panorama su tutto l’arcipelago egadiano, che è anche la più grande Area Marina Protetta del Mediterraneo per estensione e un sito terrestre tutelato da Natura 2000 ZPS ITA010027 “Arcipelago delle Egadi – area marina e terrestre”.

DURANTE IL PERCORSO ESCURSIONISTICO RACCOGLIEREMO EVENTUALI RIFIUTI PLASTICI ADERENDO COME WWF ALLE INIZIATIVE DELLA CAMPAGNA NAZIONALE : “Natura #PlasticFree 2019”, questo evento ha anche lo scopo di promuovere il comportamento del Comune di Favignana e Isole Egadi come virtuoso in quanto dal 1° marzo sarà vietata la commercializzazione e quindi anche l’utilizzo di piatti, bicchieri, posate e shoppers in plastica. Il divieto è sancito nell’ordinanza sindacale numero 22 del 18 ottobre 2018.

Rientrati in paese visiteremo i nuovi locali dello Stabulario del Centro di Primo Soccorso delle Tartarughe Marine di Favignana (ingresso gratuito) sito all’interno della Tonnara Florio, chi vuole potrà visitare la Tonnara/Museo che è uno dei Musei più visitati di Sicilia (a pagamento).

Finita la visita saremo impegnati a raccogliere plastica presso l’antistante spiaggia della “Praia” che, insieme alla plastica raccolta durante l’escursione, verrà pesata e quindi differenziata per tipologia. 

Quindi a fine manifestazione apporremo, insieme alle autorità locali eventualmente intervenute, un pannello del WWF Sicilia Nord Occidentale nei pressi della Spiaggia che sensibilizza il cittadino o al turista sui danni della plastica in mare.

Il rientro a Palermo/Trapani è libero (ultimo aliscafo da Favignana a Trapani ore 20.30)

Organizzato da: WWF Sicilia Nord Occidentale 

Modalità di gestione delle escursioni: clicca qui

1) Per ogni escursione si chiederà a tutti i partecipanti un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa. In pratica si chiederà ai soci un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 1 €, pertanto l’importo complessivo per i soci sarà pari a 3 Euro (2 € per l’assicurazione, 1 € per il contributo aggiuntivo). Ai non soci si chiederà un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 3 €, pertanto l’importo complessivo per non i soci sarà pari a 5 Euro (2 € per l’assicurazione, 3 € per il contributo aggiuntivo). Per i partecipanti età fino a 12 anni non è richiesto alcun contributo al WWF ma solamente la quota assicurativa di 2 €.
Occorrerà che i partecipanti diano i loro dati anagrafici se non già in possesso del WWF, questi serviranno per formalizzazione della copertura assicurativa.

Gli spostamenti verso il luogo d’inizio delle escursioni avverranno con le auto dei partecipanti che vorranno metterle a disposizione. Il WWF Sicilia Nord Occidentale non garantisce pertanto il trasferimento verso il luogo d’inizio dell’escursione ai partecipanti che non saranno riusciti a trovare un posto nelle auto disponibili.

Si cercherà di viaggiare a pieno carico di passeggeri per evitare inutili sprechi di carburante.

Il proprietario di ogni singola auto concorderà con i passeggeri ospitati l’entità del rimborso carburante dovutogli, quindi ogni partecipante avrà l’onere di un’ulteriore quota aggiuntiva “carburante” oltre il contributo al WWF e la quota assicurativa, da devolvere direttamente all’autista dell’auto in cui è ospitato.