Escursione Madonie. Sulla strada per Madonna dell’Alto: il foliage autunnale, la storia

Share

Domenica 27 novembre 2016 il WWF Sicilia Nord Occidentale organizza una passeggiata sulla strada per Madonna dell’Alto: il foliage autunnale, la storia. Comune di Petralia Sottana.

Referente escursione: Agostino Schiavo detto Lillo (328 824 2839)

Riferimento per gli appuntamenti: Pietro Ciulla (338 186 4718)

• Difficoltà media (E), percorso escursionistico di media difficoltà (tendente all’alto)
Il percorso, nella sua interezza, è per escursionisti “preparati”, perché ci sono dislivelli in salita di oltre 800 metri, con tempi di percorrenza di almeno 6/7 ore complessive.

• La lunghezza del percorso sarà di 8 Km circa

• Il tempo di percorrenza sarà circa 6/7 ore complessive

• Tipo di suolo: sentiero, terreno naturale con facili roccette

• Dislivello accumulato: 800 mt circa

• Partenza: Appuntamento alle ore 08.15 all’inizio di via Ernesto Basile davanti l’ingresso dell’Università (e la stazione metro Orleans)

• Mezzi: Per il raggiungimento del punto d’inizio dell’escursione useremo le auto private, le spese di viaggio verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto.

• Per la colazione (al sacco) di ogni partecipante dovrà provvedere personalmente, (non dimenticare la provvista d’acqua)

• L’attrezzatura e l’abbigliamento dovrà essere adatto alla stagione e alla fascia altimetrica dei luoghi. Sono necessari comunque gli scarponcini da escursionismo senza i quali non si potrà partecipare all’escursione.


Meteo Castellana sicula

altoDescrizione del percorso e dell’ambiente:

Sulla strada per Madonna dell’Alto le opere dell’uomo si sono susseguite nei secoli.

Andremo alla ricerca di queste, dei ponti con mille anni di storia ancora usati dalla gente del luogo, delle regie trazzere, delle cave con piccoli tesori ancora visibili, fino al pizzo di sant’Otiero e oltre fino a pizzo dell’Inferno.

Probabilmente con tutto quello che ci prefisseremo di vedere non arriveremo in vetta ma sicuramente almeno dal pizzo dell’Inferno il nostro sguardo godrà della vista dell’Etna e del meraviglioso foliage che veste la faggeta in questo periodo.

Il sentiero comunque raggiunge Monte Alto, cuore delle montagne del Parco delle Madonie dove sorge una Chiesetta del 1300 con Eremo.

L’attacco del sentiero è presso l’Ospedale Nuovo Madonna dell’Alto, a m. 952 s.l.m.,

Dopo poco più di un chilometro si giunge al ponte medievale, a schiena d’asino, di San Brancato(1010 s.l.m) oltrepassatolo, poco più avanti, ci si immette a sinistra in una mulattiera che in salita raggiunge le falde di Pizzo Sant’Otiero, dove si confluisce nel sentiero che sale da Contrada Pomieri fino a Gorgo Nero, quindi dopo un paio di chilometri, sempre in salita, Portella di Mele q. 1.500 m.

Si prosegue per un antico e bellissimo sentiero che entra subito nella faggeta a sx ed in continua e progressiva salita raggiunge i “pianetti” di Pizzo Inferno, q. 1.700m., poco al di sotto della vetta.

Il sentiero continua ora per un breve tratto, un po’ più ripido, lungo un crinalino quindi su terreno naturale e facili roccette della vetta di Monte San Salvatore q. 1.912 m. Dalla cima si godono bellissime visioni delle due Petralie, di altri pittoreschi borghi madoniti, dei Nebrodi e dell’Etna.

 

Modalità di gestione delle escursioni: clicca qui

1) Per ogni escursione si chiederà a tutti i partecipanti un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa. In pratica si chiederà ai soci un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 1 €, pertanto l’importo complessivo per i soci sarà pari a 3 Euro (2 € per l’assicurazione, 1 € per il contributo aggiuntivo). Ai non soci si chiederà un contributo aggiuntivo alla quota assicurativa pari a 3 €, pertanto l’importo complessivo per non i soci sarà pari a 5 Euro (2 € per l’assicurazione, 3 € per il contributo aggiuntivo). Per i partecipanti età fino a 12 anni non è richiesto alcun contributo al WWF ma solamente la quota assicurativa di 2 €.

Occorrerà che i partecipanti diano i loro dati anagrafici se non già in possesso del WWF, questi serviranno per formalizzazione della copertura assicurativa.

Gli spostamenti verso il luogo d’inizio delle escursioni avverranno con le auto dei partecipanti che vorranno metterle a disposizione. Il WWF Sicilia Nord Occidentale non garantisce pertanto il trasferimento verso il luogo d’inizio dell’escursione ai partecipanti che non saranno riusciti a trovare un posto nelle auto disponibili.

Si cercherà di viaggiare a pieno carico di passeggeri per evitare inutili sprechi di carburante.

Il proprietario di ogni singola auto concorderà con i passeggeri ospitati l’entità del rimborso carburante dovutogli, quindi ogni partecipante avrà l’onere di un’ulteriore quota aggiuntiva “carburante” oltre il contributo al WWF e la quota assicurativa, da evolvere direttamente all’autista dell’auto in cui è ospitato.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento