Problema incendi: un grazie a tutte le testate giornalistiche sensibili all’ambiente

Volevamo qui ringraziare le la massiccia presenza nelle testate cartacee e on line del nostro comunicato stampa egregiamente realizzato dal Dott. Giulio Giallombardo.

Ecco il risultato della campagna contro gli indendi prodotta dal WWF Sicilia


GIORNALE DI SICILIA

https://gds.it/articoli/cronaca/2020/05/15/incendi-wwf-la-sicilia-bruciata-da-organizzazione-criminale-3b834ff3-2b62-4fba-8504-8e31580dd2c8/


LA SICILIA WEB

“Dietro gli incendi c’è la criminalità”


PALERMOTODAY

http://www.palermotoday.it/cronaca/incendi-appello-wwf-sicilia-regione.html

https://www.palermotoday.it/cronaca/rischio-incendi-bollettino-protezione-civile-15-16-maggio-2020.html 


LIVESICILIA

https://livesicilia.it/2020/05/15/appello-del-wwf-alla-regione-pugno-duro-contro-i-piromani_1141860/


BLOGSICILIA

La Sicilia brucia, allarme del Wwf “mettere insieme le forze per fermare il disastro”


LE VIE DEI TESORI NEWS

La nube nera degli incendi che soffoca la Sicilia


QUOTIDIANO DI SICILIA

Allarme incendi in Sicilia, il Wwf, “pugno duro contro i piromani”


I NUOVI VESPRI

Come a Santa Chiara ‘ropp’arrubbata’, ora sono tutti preoccupati per gli incendi in Sicilia!


AGENZIA DIRE

Brucia ancora la Sicilia, Protezione civile: “Incendi di natura dolosa”


YAHOO

https://it.finance.yahoo.com/notizie/incendi-wwf-sicilia-alla-regione-pugno-duro-contro-154620708.html


STRETTO WEB

Emergenza incendi in Sicilia, Wwf lancia l’appello: “servono più controlli e repressioni contro i piromani”


GIORNALE CITTADINO PRESS

https://www.giornalecittadinopress.it/palermo-avvolta-dagli-incendi-rabbia-e-preoccupazione-di-laboratorio-ambiente/


MESSINATODAY

http://www.messinatoday.it/cronaca/incendio/incendi-milazzo-sant-agata-militello-danni-spadafora-reitano-proposta-wwf-protezione-civile.html


METEOWEB

Sicilia, ancora forti venti e super caldo: domani è allerta rossa per rischio incendi


SICILIANEWS24

https://sicilianews24.it/allarme-incendi-appello-del-wwf-sicilia-alla-regione-605657.html


DIRETTA SICILIA

La Sicilia nella morsa degli incendi, boschi in fumo a San Martino della Scale


L’INSERTO

La Sicilia brucia, il Wwf: “mettere insieme le forze per fermare il disastro”


MISTERBIANCO SICILIA

Allarme incendi, appello del WWF Sicilia alla Regione: «Pugno duro contro i piromani!»

Incendi: la nota del WWF Sicilia

PROPOSTE DEL WWF PER CONTRASTARE DEGLI INCENDI IN SICILIA


Palermo 14 Maggio 2020

Abbiamo vissuto tutti, in questi terribili giorni di pandemia covid, i disagi del lockdown e stiamo vivendo anche quelli della ripresa, con l’angoscia che il virus possa ritornare e con l’angoscia, per molti, della perdita del posto di lavoro ed un’economia in forte difficoltà.

Una delle speranze, durante il fermo delle attività, era stata quella di ripartire in modo differente, ripartire soprattutto, a fronte di quello che la natura ci aveva fatto vedere con il suo risorgere quasi miracoloso, con un approccio nei confronti dell’ambiente più rispettoso ed intelligente.

NON E’ COSI’ !!! almeno, non è così con il problema degli incendi boschivi che hanno ripreso con una virulenza maggiore !!!

Com’è noto il sistema boschivo è già di per se un sistema vulnerabile alle aggressioni esterne in quanto è esteso sul territorio, ha lunghi confini di fatto difficilmente difendibili e controllabili e la materia prima che lo compone è ad elevato rischio di infiammabilità, il clima caldo e siccitoso la rendono ancora più esposta all’immediata combustione (ma non autocombustione).

La vulnerabilità oggettiva diventa ancora più elevata se il sistema boschivo insiste su un territorio ostile, con scarsa organizzazione, con un alto grado di illegalità diffusa, con la totale o quasi mancanza di conoscenza e consapevolezza di questa vulnerabilità. Questa condizione culturale porta a compiere azioni insensate e superficiali come la bruciatura delle stoppie o l’accensione di fuochi in zone ad alto rischio.

Ancor più, a minacciare i boschi, ci sono senza dubbio interessi e convenienze che vedono negli incendi comunque un tornaconto, immediato attraverso il riutilizzo del territorio per il pascolo fresco o per la caccia facilitata da un terreno “pulito” (e desertificato), meno immediato ma più subdolo perché alimenta la speranza di potere alla lunga riutilizzare i terreni ex boschivi attraverso cambi di destinazione d’uso.

Esiste anche il fenomeno dei piromani e qualche caso sarà imputabile anche a loro, ma la puntualità perfettamente in fase con gli eventi atmosferici avversi, la contemporaneità degli incendi e la scelta oculata dei luoghi fanno più pensare ad un’organizzazione, ad una “professionalità” criminale.

Il modo quindi con il quale avvengono  gli incendi fa apparire molto improbabile che si tratti solo di azioni di folli mentre è più credibile la tesi che si tratti di menti non folli ma dotate di lucida consapevolezza e razionalità.

Siamo in presenza quindi di una miscela micidiale di insensibilità, stupidità, superficialità, cupidigia e loschi interessi e alla fine anche di frustrazioni psichiche da parte di menti malate.

E’ quasi inutile ripetere quanto i boschi e il terreno vegetato siano importanti per il pianeta, per la mitigazione dei cambiamenti climatici, per l’erosione dei suoli, per la conservazione della biodiversità sia vegetale che animale.

Molte specie animali durante gli incendi non sono in grado di fuggire (peraltro si è in pieno periodo di riproduzione con i piccoli non indipendenti), viene azzerata la catena trofica, banalizzata la diversità biologica e così via.

In più, come la pandemia covid insegna, i boschi rappresentano una necessità indispensabile per il benessere, la qualità e la sicurezza della vita umana.

Fatta questa debita premessa, il WWF necessita di evidenziare che,  nonostante il profuso impegno degli organismi addetti alle attività di spegnimento, si è molto lontani da un’efficace rete che permetta quantomeno di affrontare e fronteggiare adeguatamente la lotta agli incendi e pertanto nel ribadire l’importanza di garantire la presenza sul territorio da parte delle Istituzioni,  per la sua gestione e il suo controllo, anzi ancora una volta si deve prendere atto che questa rete antincendio, già strutturalmente carente e bisognosa di drastici provvedimenti migliorativi ancora, nel mese di maggio, non è operativa e pertanto per gestire gli incendi intervengono la protezione civile, i vigili del fuoco e i canadair, che operativi lo sono già !

Eppure da anni, da sempre, nel mese di maggio arrivano potenti sciroccate che puntualmente e con tragica professionalità vengono sfruttate dai nemici mortali dei boschi.

 

CHIEDIAMO alla Regione Siciliana cosa intenda fare per prevenire, gestire e intervenire in una situazione così banalmente prevedibile e così tragicamente trascurata.

Nell’immediato, riteniamo che sia indispensabile e urgente attivare subito la macchina antincendi con i dovuti atti amministrativi ed operativi !!

 Occorre inoltre che vengano messe in atto una serie di azioni sia a lungo e medio termine che possano, se non eliminare, quantomeno ridurre il fenomeno e superare quel senso di impotenza e frustrazione che coglie la cittadinanza quando assiste attonita a questa tragedia puntualmente annuale.

LE NOSTRE PROPOSTE

I punti focali a nostro parere riguardano il piano della prevenzione, quello della repressione attraverso la ricerca degli autori degli atti criminale ma soprattutto quello della gestione successiva  dei terreni una volta bruciati.

  1. Provvedimenti strutturali a lungo termine:
  • Incrementare il parco mezzi e uomini della struttura antincendio regionale
  • Incrementare il parco mezzi e uomini della struttura dedicata alla manutenzione delle aree boschive
  • Mantenere il flusso dei finanziamenti dedicati alle strutture di cui sopra costante, sicuro e sincronizzato con le esigenze operative, non si può tenere ogni anno col fiato sospeso tutta la struttura per i necessari finanziamenti con grave ripercussioni sulla serenità degli addetti e non si possono aprire i capitoli di spesa, per esempio per la fasce tagliafuoco, a stagione inoltrata ecc..
  • Procedere con la ristrutturazione di tutto il comparto e soprattutto introdurre elementi di efficienza operativa che portino alla motivazione degli addetti ma anche ad interventi rigorosi contro inefficienze, lassismo e anche eventuali casi di corruzione.

 

  1. Provvedimenti di prevenzione a breve termine di natura gestionale/amministrativa:

 

  • maggiore presenza sul territorio con il recupero di tutto il personale esistente possibile, attingendo anche da altri bacini di risorse umane disponibili e inutilizzati 
  • Capillare e funzionale diffusione dei contenuti delle ordinanze in materia di incendi e repressione delle violazioni (combustione in periodo di divieto, mancata pulitura, pascolo, cambio di destinazione d’uso del suolo) per tutto il periodo previsto dalle norme
  • Attivazione degli Enti che hanno la responsabilità della pulizia delle aree perimetrali di pertinenza delle pubbliche amministrazioni, dei canali e altro.
  • Curare l’aggiornamento del catasto degli incendi (anche degli anni pregressiN. 353 del 21/11/2000 e smi e L.R. e Decreti nei diversi anni) con ufficio dedicato ad esso e tempestivo inserimento delle aree percorse dal fuoco per facile verifica da parte degli organi di polizia giudiziaria e a seguire, controllo del territorio e repressione di eventuali abusi. E’ indispensabile l’immediato censimento e la catastazione delle aree percorse da fuoco (Comuni) per l’applicazione immediata dei divieti di costruzione, di esercizio dell’attività venatoria, di pascolo ecc..
  • Effettuare un censimento delle aziende zootecniche e procedere ai relativi controlli
  • Effettuare il controllo delle varie forme di pascolo ed attuare forme di tolleranza zero per i pastori sprovvisti di autorizzazioni
  • Mettere in piedi un efficace sistema per una corretta gestione delle attività di decespugliamento e relativo smaltimento degli sfalci
  • Fare rispettare il divieto assoluto dell’abbruciamento delle stoppie come pratica agricola e applicazione del sistema sanzionatorio
  • Coinvolgere con un rapporto stretto e costante tutti gli attori interessati al problema: agricoltori, aziende, associazioni, …..
  1. Provvedimenti immediati di emergenza:

E’ necessario attivare una rete permanente di emergenza di centri di “coordinamento antincendio” che coinvolga le Prefetture, l’Assessorato Agricoltura e Foreste, l’Assessorato Territorio Ambiente, la Protezione Civile, Comuni che garantiscano in modo permanente il controllo stretto del territorio attraverso :

  • La regolare presenza di forze dell’ordine con l’utilizzo anche di pattuglie militari che dovranno sorvegliare le zone sensibili e a più alto rischio (riserve naturali, parchi, siti Natura 2000, aree demaniali, aree comunque percorse abitualmente dal fuoco), con mezzi fuoristrada ma anche con pattuglie appiedate.
  • Il monitoraggio delle zone sensibili con adeguati mezzi tecnologici quali elicotteri, droni, telecamere, sensori e quant’altro
  • L’invio di forze dell’ordine investigatrici in occasione di ogni incendio per supporto ed eventuali ricerche dei responsabili ma anche con funzione di deterrente

In caso di previsione di condizioni idonee per i criminali del cerino (ondate di caldo, venti medio – forti dai diversi quadranti) fare scattare un “allerta meteo” predisponendo la localizzazione diretta di maggiori mezzi ed uomini e predisponendo un dispositivo di controllo più stretto (blocchi stradali, appostamenti in punti strategici ecc.., anche come deterrente e comunque per  aumentare il rischio per i criminali.

  1. Ausilio degli Organi Nazionali dello Stato:

Si ritiene indispensabile la messa a punto di una costante operazione di intelligence e controllo del territorio utilizzando l’enorme potenziale costituito dalle caserme dei Carabinieri sparse nel suolo nazionale, ora che l’Arma ha inglobato anche il Corpo Forestale Nazionale

CONCLUSIONI

Anche se apparentemente le misure proposte di cui sopra potrebbero sembrare eccessive e molto  costose , riteniamo che occorre arrivare ad un drastico cambio di rotta per debellare questo ormai abituale, terribile e triste fenomeno. I costi economi ci della perdita di capitale naturale , dei servizi ecosistemici del benessere e della salute umana sono estremamente più onerosi come oggi è universalmente riconosciuto da tutti gli economisti mondiali e recepito nella svolta verde delle Nazioni Unite (Green deal Europeo)

Solo con misure drastiche ed eccezionali si può porre fine o comunque ridimenzionare questa criminale tendenza che negli anni sta diventando sempre più preoccupante.

Queste misure “dragoniane” avrebbero in ogni caso un effetto positivo sulla cittadinanza che, incoraggiata e rinfrancata potrebbe innescare un processo di partecipazione e collaborazione, veleno per i delinquenti.

Per quanti riguarda i costi, diventano irrisori se paragonabili ai danni diretti ed indotti che una generalizzata devastazione del territorio comporta.

WWF SICILIA

Fase 2: il WWF ascoltato dalla III Commissione consiliare del Comune di Palermo

Il 4 Maggio scorso la III Commissione Urbanistica del Comune di Palermo ha incontrato in video conferenza l’Associazione WWF O.A. Sicilia Nord Occidentale.

L’incontro era stato richiesto dal WWF per presentare in modo più dettagliato alcune proposte in merito alla ripresa parziale delle attività post coronavirus, proposte che sintetizziamo brevemente di seguito.

Mobilità alternativa ed eco-compatibile.

Si ritiene di fondamentale importanza prendere provvedimenti per mitigare un probabile aumento del traffico delle auto private dovuto al timore dei cittadini di utilizzare i mezzi pubblici con relativi assembramenti e quindi pericoli di contagio.

Occorrerebbe quindi agevolare l’utilizzo di mezzi alternativi e meno impattanti dal punto di vista ambientale e il mezzo principale è ovviamente la bicicletta.

Sarebbe necessario pertanto verificare la funzionalità delle piste ciclabili esistenti e aumentarne la consistenza con delle nuove, è necessario inoltre curare maggiormente i parcheggi per le bici private e crearne nuovi, attrezzandoli con sistemi di video controllo e controllandoli sistematicamente e più frequentemente con le forze dell’ordine.

Occorrerebbe anche incrementare la flotta delle bici in “bike sharing” cercando anche di snellire le modalità di noleggio ed utilizzo.

Si riterrebbe utile la creazione di un decalogo relativo all’utilizzo delle bici in bike sharing in tempi di corona virus e di utilizzo dei DPI, cioè specificare tutte le norme igieniche da rispettare per le bici a noleggio (guanti? sanificazione? no mascherine?).

Su questi argomenti ci associamo alle proposte di altre Associazioni quali FIAB bike&trek Palermo, Legambiente e altre.

Non si dovrebbero trascurare inoltre altre modalità di mobilità alternative fra cui l’utilizzo dei monopattini per i quali occorrerebbe una precisa normazione e la fondamentale camminata a piedi per le brevi distanze.

E per rendere quest’ultima serena e gradevole occorrerebbe procedere a rendere fruibili i marciapiedi tenendoli costantemente puliti e sicuri, manutenendoli costantemente liberandoli da buche ed erbacce, liberandoli dai parcheggi selvaggi di  auto e moto e prestando particolarmente attenzione alla fruibilità degli stessi da parte dei disabili.

Una città ordinata e pulita renderà certamente più attraente una bella passeggiata.

Utilizzo della modalità di lavoro in “smart working”.

Quella dello smart working è stata una notevole sorpresa per tutti, ha funzionato meglio di quanto ci si poteva immaginare e, sia per la fase 2 di ripresa, che per oltre, si auspica che l’utilizzo dello smart working, fra gli organici del Comune ovviamente normato e meglio organizzato, possa diventare una prassi abituale con evidenti benefici per il traffico automobilistico, l’inquinamento ambientale, lo stress da traffico, i parcheggi insufficienti e quant’altro.

Riapertura e incentivazione dei mercatini rionali per un incremento della produzione agricola a Km zero.

Si propone di agevolare e regolamentare con nuove norma di sicurezza i mercatini rionali di ortofrutta. Ciò comporterebbe un ristoro per i piccoli produttori agricoli particolarmente penalizzati dalla chiusura e contemporaneamente contribuirebbe a dare forza a questo settore. Ciò significherebbe meno terreni abbandonati e più terreni coltivati, consumo di prodotti freschi, meno trasporto di lunga percorrenza.

Si potrebbe per esempio tentare di allargare le superfici occupate dai mercatini per rispettare le regole di distanza, differenziare le vendite per categorie merceologiche suddividendoli in più giorni, allungare i tempi di apertura.

La raccolta dei rifiuti.

Pensiamo che la raccolta dei rifiuti in città, con tutte le giustificazioni legate ad un contesto sociale sfavorevole, sia ancora molto carente.

Ad aggravare la situazione contribuirà anche la nuova situazione pandemica che comporterà l’utilizzo e lo smaltimento di un numero abnorme di mascherine e guanti che creerà una marea di rifiuti di plastica o misti e questi, se abbandonati per strada e raccolti con ritardo, potranno finire, con le piogge, direttamente a mare.

Sarebbe il caso che l’Amministrazione provveda direttamente con l’incremento del numero di cestini in città, con il ripristino di quelli mancanti o vandalizzati, ma soprattutto con il continuo svuotamento di quelli pieni, anzi stabilmente stracolmi.

Un altro modo indiretto di intervenire sarebbe quello di fare installare un adeguato numero di cestini davanti i grossi punti vendita, specialmente davanti i supermercati.

Occorrerebbe altresì emettere un chiaro decalogo per i cittadini che puntualizzi il corretto smaltimento dei DPI.

Il verde in città.

Si confida tanto nel nuovo piano regolatore della città che finalmente ponga fine, in modo inequivocabile, al consumo di suolo.

Nel frattempo occorre mettere su un sistema di cura, manutenzione e salvaguardia del verde esistente che salvaguardi gelosamente il patrimonio verde della città e che nei casi di estrema necessità proceda all’abbattimento degli alberi per i quali non ci sia in alcun modo una soluzione diversa ma, per dare anche il senso di quanto questo tipo di operazioni siano sofferte, proceda immediatamente alla piantumazione di nuove essenze e nel caso in cui è previsto, alla piantumazione del verde di compensazione per gli abbattimenti effettuati.

Troppe volte si trasmette ai cittadini il senso di essere zelanti negli abbattimenti e meno solleciti nelle piantumazioni con l’innesco di polemiche che alcune volte possono essere esagerate ma tante altre volte hanno la loro giustificazione.

Si propone quindi la formazione di un tavolo tecnico permanente con la partecipazione delle Associazioni per trattare in modo organico e possibilmente sereno tale argomento.

Il Direttivo del WWF Sicilia Nord Occidentale